Pensiero di lunedi 5 dicembre 2016 M.O.Aivanhov

Scoraggiamento, un rimedio: rimanere estasiati davanti all’opera divina

È già accaduto che, in un attimo di scoraggiamento, alcuni artisti abbiano distrutto certe loro opere. È normale non essere mai totalmente soddisfatti delle proprie creazioni, ma perché arrivare al punto di distruggerle? Quegli artisti non solo hanno fatto del male a se stessi, ma hanno anche privato l’umanità di grandi tesori.

pensiero-di-aivanhov

La motivazione del loro gesto deriva dal fatto che essi erano rimasti troppo concentrati su se stessi, sulle proprie difficoltà, le proprie angosce, i propri tormenti. Non avevano saputo uscire dai limiti del proprio sé per mettersi in contatto con tutto ciò che di buono e bello esiste negli esseri umani e nella creazione. Solo questo atteggiamento avrebbe potuto proteggerli impedendo loro di dirigere quell’insoddisfazione contro la propria opera. Come questi artisti, anche gli spiritualisti possono attraversare periodi di scoraggiamento, poiché percorrono un cammino difficilissimo e possono essere tentati di rinnegare il proprio impegno. Provino invece a rimanere in ammirazione davanti alle opere di Dio in ammirazione davanti ai servitori di Dio, e quell’ammirazione li metterà al riparo dalla tristezza e dalla disperazione che le imperfezioni di cui soffrono possono ispirare loro.

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Cosa ne pensi?

commenti