Pensiero di lunedi 2 gennaio 2017 M.O.Aivanhov

Vita umana, un intervallo di tempo tra il primo e l’ultimo respiro

Nel libro della Genesi si dice che Dio soffiò nelle narici di Adamo un alito di vita e che l’uomo divenne un essere vivente. La vita dell’uomo è dunque cominciata con un soffio dato da Dio. Ed è vero: per ogni essere umano la vita ha inizio con un’inspirazione.

respirazione Aivanhov

Non appena il bambino lascia il grembo materno, la prima cosa che deve fare per diventare veramente un abitante della terra è fare un’inspirazione: apre la sua boccuccia, piange, tutti lo sentono e si rallegrano al pensiero che è vivo! Poiché è grazie a quella inspirazione che i suoi polmoni si riempiono d’aria e si mettono in moto. Viceversa, quando di un uomo si dice che ha esalato l’ultimo respiro, tutti capiscono che è morto. Il respiro è il principio e la fine. La vita comincia con un’inspirazione, e finisce con una espirazione. Tra questi due momenti estremi, è attraverso un lungo avvicendarsi di inspirazioni ed espirazioni che alimentiamo la vita in noi. È importante esserne consapevoli e riconoscenti.

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Cosa ne pensi?

commenti