Bergamo Dialetto

“Gioedé” il giovedì in dialetto Bergamasco

“Gioedé” il giovedì in dialetto Bergamasco Il giorno di giovedì nel nostro dialetto gioedé, oltre che indicare il giorno della settimana, è anche elemento essenziale di alcuni forbiti modi di dire: “A chèl lé al ‘ga manca quàc gioedé” è un’affermazione che si riferisce ad una persona poco assennata o… Leggi tutto

Detti saggi “modi di dire dialettali”

Detti saggi “modi di dire dialettali” Torniamo ai tanti e variegati modi di dire dialettali che poi, nel tempo, assumono la caratteristica di sagge affermazioni, proverbi o definizioni lapidarie. Vediamo assieme alcuni esempi: “L’è cume pestà l’aqua ‘n del moltèr” (è come pestare l’acqua nel mortaio) emblematica affermazione che qualifica… Leggi tutto

L’avaréssia – Avarizia in Dialetto Bergamasco

L’avaréssia – Avarizia in Dialetto Bergamasco L’avarizia è l’oggetto delle curiosità dialettali di questo puntata. “Avaréssia” o “avarissia” da qui “avarù” (avarone, avaraccio.) L’uomo avaro viene anche definito: “L’avaro l’è ‘l piö poarét de stó mónd” (l’avaro è il povero di questo mondo) ancora più incisiva questa affermazione lapidaria: “Grama… Leggi tutto

Laùr – Cose in dialetto Bergamasco

Laùr – Cose in dialetto Bergamasco “Laùr de campana a martèl!” affermazione a ricordo di tempi in cui, in casi di incendio di qualche casa o edificio pubblico, si suonava la campana a martello perché tutti corressero ad aiutare a spegnere il fuoco. Ora, caduta quasi in disuso, questa locuzione,… Leggi tutto

Ol tép – Il Tempo in Dialetto Bergamasco

  Cosa ci sarà di più veritiero e di più semplice di ciò che viene affermato da questo detto dialettale: “Tocc i dé, ‘ne passa ü” (tutti i giorni ne passa uno). Ed è proprio un giorno dopo l’altro che compone un anno e così via gli anni che passano… Leggi tutto